Rubrica: Discentes al Massime

È che dietro le cose ci sei tu, Primavera, che incominci a scrivere nell’umidità, con dita di bambina giocherellona,
il delirante alfabeto del tempo che ritorna.