Invenzioni dal Salento: Il Pianoforte che dipinge! Video

Un’invenzione per rendere unica la musica e il quadro nato sulle sue note.

Un pianoforte che dipinge. La tela utilizzata come uno spartito alternativo.

L’idea geniale è di Francesco Mancarella, nato nella musica (il padre Nando è un noto musicista), produttore discografico assieme al fratello dell’etichetta indipendente Arca del Blues, appassionato di arte, ha trovato il modo per unire entrambe le discipline.

E dopo una mostra in cui ha esposto i primi sedici quadri assieme al pianoforte, ora è pronto ad iniziare un tour per far conoscere il progetto.

Per realizzarla ha comprato un vecchio pianoforte di 70 anni, aiutato dal suo amico Antonio Greco, produttore esecutivo del progetto, che poi ha apportato tutte le modifiche necessarie.

Appena l’ho iniziato a tagliare avevo solo tanta voglia di dimostrare che si poteva fare. Ho tagliato le corde e inserito un marchingegno a rotazione sul quale montare le tele, fatte su misura. Se i martelli prima davano sulle corde riproducendo il suono, ora appositamente rivestiti e imbevuti di inchiostro, danno direttamente sulla tela lasciando il segno in base alla nota e all’intensità con cui premo il tasto”.

Sul suo sito www.nowisee.it c’è un video che illustra bene il funzionamento.

“I quadri cambiano in base al tocco, alla potenza e alla velocità con cui premo i tasti – continua -. La cosa bella è utilizzare un oggetto in un modo diversissimo rispetto al suo uso normale. Appena realizzato pensavo che sarebbe stato facile, le prime volte ho dovuto buttare tele e rimaneggiare il tutto per perfezionarlo”.

“Quando ho iniziato a raccontare della mia idea tutti mi davano per pazzo, eppure il mio progetto era chiaro nella mia mente e non mi sono perso d’animo, anzi. Ho pensato: “Che cosa so fare? Suonare”, allora mi sono ingegnato per rende unica la mia musica. I pittori si sono sempre ispirati alla musica mi è venuto in mente di unire in modo originale le due cose. Suonare dipingendo o dipingere ascoltano le melodie. Io firmo la melodia mentre il dipinto lo fa il pianoforte. Siamo una cosa unica”.

 

(tratto da salentoreview.it)

Salva

Salva