Perché si celebra la Giornata Mondiale del Disegno?

 Il potere comunicativo del gesto grafico

Cosa sappiamo sulla Giornata Mondiale del Disegno?

Questa ricorrenza si celebra il 27 aprile (quasi) in tutto il mondo ed è stata proclamata dal Consiglio Internazionale delle Associazioni di Disegno Grafico (Ico-D). Si tratta di un’associazione mondiale per i disegnatori professionisti, fondata a Londra nel 1963.

L’evento internazionale è conosciuto anche con il nome di “giorno del disegnatore”, “giorno del disegnatore grafico” o “giorno dello sviluppo umano e creativo”. Infatti, i protagonisti sono proprio il disegnatore e la creatività.

Ma perché dedicare una giornata alla celebrazione del disegno?

La Giornata Mondiale del Disegno è soprattutto un’occasione per sottolineare e riconoscere il valore della comunicazione attraverso il disegno e il ruolo che essa riveste nel mondo.

Il disegno è infatti da sempre uno straordinario strumento di comunicazione non-verbale. L’uomo primitivo ha iniziato a comunicare disegnando prima e, parlando e scrivendo poi. Numerose testimonianze ce lo confermano, basti pensare ai disegni rupestri risalenti alla preistoria.

 

Ecco spiegato il perchè della “giornata dedicata ai disegnatori”: nasce dal riconoscimento del bisogno umano di esprimersi con i linguaggi dell’arte oltre che con le parole.

Quanto fino ad ora detto vale a prescindere dal tipo di “foglio” utilizzato. Che si tratti di carta, tela, o dello schermo di un pc, non fa differenza. Il disegno grafico è considerato un potente veicolo per la trasmissione e la condivisione di idee, progetti, esperienze.

Il disegno nello sviluppo emotivo e relazionale

Tracciare linee, forme, contorni, ritrarre o ritrarsi con una semplice matita. Chi non l’ha mai fatto? Non c’è un bambino che sia cresciuto senza compiere questi gesti. Disegnare e colorare sono attività essenziali per lo sviluppo emotivo e relazionale di tutti, grandi e piccini. I bambini in modo particolare, con i loro disegni, offrono all’adulto importanti chiavi di lettura del loro mondo interiore. Sul foglio proiettano paure e desideri che talvolta meritano una certa attenzione.

Disegnare stimola le capacità cognitive e creative degli studenti, come dimostrano attendibili ricerche.

Il disegno riflette anche stati d’animo e caratteristiche della personalità degli adulti, spesso sconosciute a loro stessi.

L’Arteterapia nei suoi laboratori, utilizza varie tecniche Plastico-Pittoriche con varie tipologie di utenti. Tra queste vi è certamente la tecnica del disegno, che viene utilizzata sia con i bambini che con gli adulti. Sia individualmente che in gruppo. Questo perchè si tratta di un’attività piacevole, che stimola la fantasia e la creatività, consententendo l’emergere di vissuti emotivi profondi.  L’esperienza del disegno dunque, all’interno di un setting integrato di Arteterapia, rivela tutta la sua valenza terapeutica oltre che ricreativa.

Se vuoi approfondire le tue conoscenze sull’Arteterapia Plastico-Pittorica, clicca qui.

Per acquisire strumenti di lavoro pratici utili a sviluppare la creatività, clicca qui